sddsd
B e n v e n u t i   s u
Torna alla Home Page
Torna alla Home Page
I l  p r i m o  p o r t a l e  i n  i t a l i a n o  d e d i c a t o  a i  v i a g g i 
e d  a l  b u s i n e s s  i n  R u s s i a

 
G u i d a  P r a t i c a
 
 
Documenti e Visti
Moneta
Cambio
Lingua
Acquisti
Clima
Norme Sanitarie
Alberghi
Dogana
Fuso orario
Abbigliamento
Cucina
Come telefonare
Telefoni utili
Viaggiare in Auto

 
 
 
DOCUMENTI E VISTI:
I cittadini italiani devono essere in possesso del passaporto individuale in corso di validità e del visto consolare , ottenibile presentando la seguente documentazione:
- passaporto o fotocopia della pagina con i dati anagrafici, la foto, la scadenza e l’eventuale rinnovo;
- 3 foto-tessere;
- modulo di richiesta compilato (fornito dall’agenzia di viaggi o direttamente dall’Ufficio Consolare).
I visti vengono rilasciati esclusivamente in base ai documenti che confermano l’esistenza di una sistemazione in Russia (prenotazioni alberghiere, inviti fatti in modo ufficiale).
Consolati della Federazione Russa in Italia:
      Roma: via Nomentana, 116; tel. 06.44.23.41.49
      Milano: via S.Aquilino, 3; tel. 02.48.70.60.41
      Genova-Nervi: via Ghirardelli Pescetto, 16; tel. 010.372.63.04 

Dal 1° febbraio 2002 i cittadini italiani (come i gli altri cittadini dei paesi UE, Svizzera e Giappone) potranno ottenere il visto turistico russo in frontiera. Per farlo occorre rispettare tutte le regole consolari in vigore (comunicazione dati personali, prenotazione alberghiera, assicurazione sanitaria) nonché alcune altre condizioni essenziali:
1. Il visto viene concesso per una durata complessiva di permanenza sul territorio della Federazione Russa non superiore a 72 ore.
2. I visti sono ottenibili esclusivamente ai seguenti varchi di frontiera:
- MOSCA: aeroporto Sheremetievo-2
- SAN-PIETROBURGO: aeroporto Pulkovo-2
- Regione LENINGRADSKAIA (San-Pietroburgo): Torfianovka, Brusnichnoie (frontiera finlandese)
- Regione di KALININGRAD: Bagrationovsk, Mamonovo (frontiera polacca)

(Russiaonline offre assistenza per l'ottenimento del visto alla frontiera in caso di prenotazione dell'hote e assicurazione medica)
 
COLLEGAMENTI TELEFONICI:
Nelle grandi città è possibile telefonare in Italia tramite teleselezione (il prefisso è 8.10.39+ il prefisso della città italiana con lo “0” e il  numero di telefono). 
Per le telefonate interurbane all’interno della Russia bisogna digitare 8+ il prefisso della città russa (p.es.495 per Mosca, 812 per S.Pietroburgo) e il numero di telefono.
TELEFONI UTILI:
Vigili del fuoco – 01
Polizia – 02
Pronto soccorso – 03
Ambasciata Italiana a Mosca – (495)241.15.32/33/34/35
Consolato Italiano a S.Pietroburgo – (812)312.32.17/31.06
MONETA:
La moneta nazionale russa è il Rublo. Equivale a circa 0,30 lire. Le lire italiane sono accettate in pochi uffici di cambio (negli aeroporti e in pochi alebrghi), consigliamo quindi di munirsi di dollari americani e marchi tedeschi. Qualsiasi tipo di acquisto può essere fatto solo in rubli ed è vietato l'utilizzo di valuta straniera. Vengono accettate le principali carte di credito (American Express, Dinners e Visa). Nota importante: da poco tempo è stato introdotto il "rublo pesante" con .000 in meno. Sono attualmente in circolazione rubli vecchi e nuovi. Si possono ad esempio utilizzare indifferentemente banconote da 100.000 rubli o 100 rubli, da 10.000 o 10 rubli. Anche i prezzi vengono indicati nelle due maniere. 
CAMBIO:
E' possibile cambiare la valuta straniera in rubli presso gli uffici di cambio. Sono presenti in aeroporto, in hotel, in moltissime vie nel centro delle città. Per cambiare la valuta in rubli è sempre necessario presentare il passaporto e la dichiarazione doganale che si compila arrivando in Russia. La prassi del "cambio nero" dei tempi sovietici è ora totalmente in disuso. 
LINGUA:
La lingua nazionale è il russo. Sono diffusi ma solo tra le generazioni più giovani inglese, tedesco e francese. 
ACQUISTI:
Gran parte dei negozi sono aperti dalle 10,00 alle 20,00 con chiusura di un' ora per il pranzo, di solito dalle 13 alle 14. Suggeriamo l'acquisto di Vodka (senza dubbio la più pregiata è la "Smirnov n.21"), caviale (da provare anche il rosso che è meno conosciuto), prodotti dell'artigianato (le matrioshke, le scatole in legno laccate di Palekh), ambra, colbacchi di pelliccia, ecc. Capitolo a parte per le icone. E' possibile acquistare solo icone moderne e che abbiano quindi un aspetto moderno. Una icona di 20/25 anni fa che abbia la sembianza di una icona antica può comunque creare problemi alla dogana. Per esportare icone antiche è necessaria una autorizzazione del Ministero dei Beni culturali russo. L'iter burocratico non è molto agevole ed è consigliabile in questo caso delegare la cosa a qualcuno che abiti sul posto.
CLIMA:
Generalmente il clima è continentale, ma l’enorme estensione del paese fa si che ci sono notevoli diversità climatiche da una regione all’altra.
I valori medi delle temperature nei mesi di gennaio/luglio:

Mosca               -10°/+19°         Irkutsk            -20°/+18°            Soci              +5°/+22°
S.Pietroburgo   -8°/+18°           Khabarovsk   -22°/+22°             Volgograd   -9°/+24°
 
NORME SANITARIE:
Non sono richieste vaccinazioni ne esistono restrizioni di alcun tipo. E' consigliabile di portare con sé dei farmaci ad uso comune. Esistono sia a Mosca che S.Pietroburgo molte farmacie che vendono prodotti farmaceutici occidentali (soprattutto americani e tedeschi).
ALBERGHI:
La classificazione degli alberghi russa si discosta un pò da quella occidentale, soprattutto per le strutture a 4 stelle che talvolta sono più simili ai nostri hotel di seconda categoria. Hotel di lusso 5***** e 4**** gestiti da compagnie occidentali sorgono ogni anno come funghi. Alberghi costruiti in epoca sovietica vengono pian piano ristrutturati e stanno acquistando un livello di servizio più vicino al nostro. 
FORMALITA' DOGANALI:
Per l'ingresso in Russia, è richiesta la compilazione di una dichiarazione doganale in cui devono essere specificati i dati personali, nonché il denaro e tutti gli oggetti di valore che si intendono portare, comprese macchine fotografiche e cineprese. Il formulario tradotto in italiano, sarà fornito insieme ai documenti di viaggio. La dichiarazione doganale è necessaria per acquistare i rubli. Quando si acquistano rubli viene rilasciata una ricevuta che deve essere conservata in quanto necessaria per la riconversione dei rubli in valuta straniera all'uscita dal paese. Al passaggio della dogana in uscita dalla Russia è necessario compilare un identico formulario e vanno indicate le somme in valuta di cui si è in possesso all'uscita. E' ancora vietata l'importazione e l'esportazione di rubli. 
FUSO ORARIO:
La differenza di fuso orario è  di +3 ore rispetto a Greenwich (+2 rispetto all’Italia) per Mosca, San Pietroburgo e una gran parte della Russia Europea. Vista la grande estensione del paese ci sono in tutto  9 fusi orari.
ABBIGLIAMENTO:
In inverno e nelle stagioni intermendie, è necessario un abbigliamento pesante, con calzature imbottite ed un caldo copricapo. Nei mesi estivi, la temperatura sale notevolmente e quindi sono sufficienti abiti leggeri. Si tratta tuttavia di mesi piovosi e pertanto è sempre bene non dimenticare qualche indumento più pesante ed un impermeabile. 
CUCINA:
La prima colazione in Russia è sempre abbondante: pane, burro, marmellata, uova, formaggio, salumi, carne, pesce affumicato tè o caffè. Il pranzo è veloce: zuppa (tra le più conosciute: il borsh, lo shy, la solianka), un piatto principale a base di carne o pesce, dessert. La cena di solito prevede: antipasto (insalate di vario tipo, caviale nero, rosso e salmone, antipasti assortiti di carne o pesce, assolutamente da provare le frittelle tipiche - i bliny - con caviale); zuppa (ve ne sono di molti tipi) oppure i pelmeny (ravioli di carne in brodo). Il secondo a base di carne o pesce è molto abbondante e comprende già alcuni contorni. I russi come noto pasteggiano con la vodka ma si trovano anche vini e birre di importazione. Ristoranti piccoli, tipici, a conduzione familiare ed anche non cari sorgono ovunque come funghi. Si possono anche trovare ristorantini con piccoli complessi folcloristici che rendono l'atmosfera davvero affascinante. E' in corso un processo di riscoperta deigli antici gusti e tradizioni russe andatesi perdendo negli ultimi decenni e questo fenomeno si sposa con le caratteristiche della nostra società moderna. Non bisogna sorprendersi ad esempio di trovare fast food in perfetto stile Mc Donald's ma che vendono solo pietanze tipiche russe e non hamburgher e coca cola! 

VIAGGIARE IN AUTO:
Volendo si può fare anche un viaggio turistico in automobile tenendo conto però di un certo numero di particolarità:
- Il mezzo non ha bisogno dei documenti specifici, ma l’autista deve avere la patente internazionale    ed il visto rilasciato sempre in base alle prenotazioni fatte dall’Italia (alberghi, motel, campeggi) che in un certo senso vincoleranno il percorso; per attraversare il territorio della Bielorussia o dell’Ucraina bisogna provvedere anche per i rispettivi visti; l’assicurazione si fa alla frontiera (la Carta Verde non è riconosciuta);
- Benché la circolazione nelle grandi città sia intensa e ben organizzata (rifornimento di benzina, stazioni di servizio ecc.),  il viaggio fuori città può creare qualche problema: la viabilità autostradale non è molto buona, la benzina senza piombo si trova con difficoltà.

 

 E-m@il

 Torna a:
Home Page
h
h